II.  ANTIGENI ANCA

Il granulocita polimorfonucleato contiene due tipi principali di granuli: i granuli primari o azzurrofili o alfa granuli e i granuli secondari o specifici, come visibile nell'immagine a fondo pagina.

Alcune componenti all'interno di questi granuli, in particolare degli alfa granuli, costituiscono il bersaglio degli ANCA. Tra queste le più importanti sono la proteinasi 3, responsabile del pattern C-ANCA nella maggior parte dei casi e la mieloperossidasi di quello P-ANCA.

I granuli secondari o specifici contengono tra gli altri la lattoferrina e la proteina legante la vitamina B12.

Come già detto, diverse proteine contenute nei granuli dei neutrofili sono state individuate come possibili bersagli antigenici per gli ANCA ma quelli clinicamente rilevanti, al momento, sono la proteinasi 3 e la mieloperossidasi.

Gli autoanticorpi diretti verso specificità antigeniche minori possono causare pattern C o P nel test IIF su granulociti fissati in etanolo, in base alle caratteristiche fisico-chimiche della molecola bersaglio e in particolare alla carica elettrica.

Proteinasi 3 (PR3)

La proteinasi 3 e' una glicoproteina di 228 aminoacidi con P.M. di 29 kD . 

 

Fa parte delle serin proteasi dei granuli azzurrofili o primari, e' debolmente cationica, ha attività proteolitica ed e' fisiologicamente inibita dall'a1-antitripsina.

Gli ANCA diretti contro la PR3 riconoscono epitopi conformazionali della molecola localizzati nei pressi del "dominio" dove risiede l'attività enzimatica, infatti interferiscono con l'inattivazione dell'enzima da parte del suo inibitore naturale.

 

Mieloperossidasi (MPO)

La mieloperossidasi e' una proteina fortemente cationica (pI > 11.0) con un P.M. di 120-140 kD  ed e' costituita da 2 catene polipeptidiche. 

E' localizzata anch'essa nei granuli azzurrofili ed ha un ruolo importante nella generazione dei radicali di ossigeno e nella produzione di acido ipocloroso e dei suoi metaboliti, efficaci nella distruzione di batteri e virus, nonche' nell'inattivazione degli inibitori delle proteasi nel sangue e nei tessuti. La ceruloplasmina potrebbe essere il suo inibitore fisiologico.

Gli ANCA diretti contro la MPO riconoscono multipli epitopi conformazionali presenti sulla molecola nativa.

 

Altri antigeni

Esistono sieri positivi all'immunofluorescenza, generalmente con un pattern perinucleare o atipico, che sono negativi nei test ELISA per la ricerca di anticorpi anti-MPO o anti-PR3.

Alcuni di questi sieri contengono anticorpi diretti verso altre componenti dei granuli dei neutrofili, nella maggior parte dei casi l'antigene rimane però sconosciuto.


 

Torna all'Home Page